fbpx

Quella sensazione di appagamento successiva alla pulizia domestica è considerata da molti un’importante fonte di appagamento per godersi, dopo ore e ore di affaticamento, la propria casa ordinata e profumata. Ma non tutti sanno che nei più comuni detersivi, che abitualmente si utilizzano per pulire e trattare le varie superfici domestiche, si possono nascondere cocktail chimici potenzialmente tossici. 

In particolare, il focus principale è legato a tutti quei prodotti per la pulizia della casa che si presentano in formato spray e trigger: le inalazioni di questi ultimi possono avere, nel lungo termine, importanti ripercussioni sulle vie respiratorie. Alcune ricerche infatti hanno messo in luce come un’esposizione giornaliera a basse concentrazioni di tossine chimiche, presenti all’interno di questi detergenti, possa essere paragonabile ad una breve e massiccia esposizione a sostanze nocive.

Cosa tenere a mente nella scelta dei detergenti per la casa?

L’importante, per evitare il contatto e l’inalazione di queste sostanze chimiche è imparare a riconoscerle all’interno delle formulazioni dei detergenti, in modo tale da scartare tutti quei prodotti con ingredienti aggressivi per la salute. 

Le sostanze più nocive e tossiche, non solo per le vie respiratorie, ma anche per la pelle, sono acido muriatico, sbiancanti ottici, ammoniaca, acqua ossigenata e candeggina. Tutti questi ingredienti, oltre alla pericolosità legata ad una loro possibile inalazione, risultano estremamente rischiosi in quanto un loro contatto continuativo può portare all’insorgenza di dermatiti ed ustioni. 

Quindi, quali detergenti utilizzare: quelli dermoecompatibili!

In questo mare magnum di detergenti per la casa si possono ritrovare alcuni prodotti le cui formulazioni sono pensate per rispettare l’equilibrio della pelle, attraverso l’utilizzo di ingredienti di origine naturale. Ed è questo il caso di BioPhura, la cui linea di detergenti per la cura della casa sono pensati per offrire il massimo potere pulente e sgrassante, annullando l’impatto negativo sia sulle vie respiratorie, sia sulla pelle.

Add Your Comment